Turismo a Cortina: arrivi in crescita del 15%

turismo a cortinaOttime notizie per gli albergatori e per gli operatori turistici di Cortina. Secondo quanto rilevano gli ultimi dati ufficiali, infatti, il mese di febbraio 2013 si sarebbe concluso con un incremento degli arrivi pari al 15 per cento rispetto al mese precedente, e delle presenze degli stranieri del 13 per cento rispetto a febbraio 2012.

Sempre stando a quanto affermano le rappresentanze locali, solamente gli alberghi avrebbero visto 4 mila presenze straniere in più rispetto al 2012, con un incremento sul totale degli arrivi che non venivano toccati da almeno sette anni. Molto positivi, inoltre, i dati degli italiani a Cortina: incremento del 7 per cento, a quasi 17 mila unità. Con i numeri di cui sopra, Cortina si conferma ancora come uno dei gioielli turistici del Nord Italia.

Cortina in breve

Cortina d’Ampezzo è un comune situato nella provincia di Belluno, e abitato da 6.075 persone. Il paese è il più grande e noto dei 18 comuni della Ladinia, la località turistica invernale che ospita numerosi eventi di caratura internazionale, e si appresta ad accogliere decine di migliaia di persone ogni anno. Situata al centro della Conca d’Ampezzo, il comune è circondato dalle Dolomiti Ampezzane, ed è attraversato da numerosi corsi e bacini d’acqua.

Anche se il turismo della località si concentra prevalentemente nel periodo invernale, il turismo estivo si dimostra sempre più ricco e dinamico. Con il passare degli anni, infatti, Cortina si è affermata su scala europea come meta ambitissima da tutti gli appassionati di escursionismo d’alta cuoca, ponendo a disposizione dei visitatori la conca ampezzana, e una invidiabile serie di vallate. Paesaggi incantevoli, che permetteranno a tutti gli amanti della natura di confrontarsi con boschi, rocce e arrampicate di varia ampiezza e difficoltà.

Da non sottovalutare, inoltre, il percorso dedicato al turismo sportivo (tra i tanti eventi non legati agli sport invernali, ricordiamo che Cortina è stata diverse volte meta di tappe del giro d’Italia), e quello enogastronomico.

Lascia un commento